Studio S.S.P.

Servizio Sociale Professionale

della Dott.ssa Guendalina Scozzafava

Mediazione

Mediazione famigliare

L’intervento professionale, basato sulla cooperazione e l’autodeterminazione dei soggetti coinvolti, vuole garantire la realizzazione di un processo in cui un soggetto terzo, neutrale e qualificato, supporta la coppia/famiglia nella riorganizzazione dovuta dalla situazione di crisi, confinandola nel quadro normativo vigente e rispondendo ai bisogni delle diverse parti coinvolte. Lo scopo dell’intervento è quello di aiutare le parti a trovare da sé le basi di un accordo durevole e mutualmente accettabile tenendo conto di tutti gli interessi coinvolti, in un’ottica di corresponsabilità ed uguaglianza. Quello che si propone è una procedura alternativa a quella legale, che si contrappone alla tradizionale diade vincitore/perdente, ma che vuole al contrario favorire il raggiungimento di un accordo comune nato dalle decisioni responsabilmente assunte dai protagonisti.

Mediazione civile e commerciale

Come disciplina il Decreto Legislativo 28 del 4 marzo 2010, attraverso la mediazione, le parti in conflitto possono risolvere controversie civili e commerciali, relative a diritti disponibili ed in particolare:

Mediazione obbligatoria: la legge prevede l’obbligo, prima di adire la giustizia ordinaria, di esperire un tentativo di mediazione nelle seguenti materie:

  • condominio
  • diritti reali
  • divisione
  • successioni ereditarie
  • patti di famiglia
  • locazione e comodato
  • affitto di azienda
  • risarcimento danni da responsabilità medica e sanitaria
  • risarcimento danni da diffamazione a mezzo stampa o con altri mezzi di informazione
  • contratti assicurativi, bancari e finanziari

Mediazione facoltativa: è libera scelta delle parti decidere di sanare la controversia ricorrendo ad una mediazione, durante la quale potranno decidere se farsi assistere o meno da un legale o da altro professionista di fiducia

Sono materie oggetto di mediazione facoltativa:

  • recupero crediti (commerciali, condominiali, privati),
  • risarcimento danni,
  • appalto,
  • prestazione d’opera manuale e intellettuale,
  • contestazione di lavori,
  • contratti d’agenzia.

Mediazione demandata dal giudice: nella mediazione demandata è il giudice, adito in giudice, che adito in giudizio, obbliga le parti ad esperire un tentativo di conciliazione anche su materie non contemplate tra quelle obbligatorie

Mediazione contrattuale: è prevista da un’apposita clausola contrattuale o statutaria.

Mediazione Umanistica (metodo Morineau)

Il metodo umanistico pone al centro la persona e i suoi valori più profondi, quelli che vengono colpiti dal conflitto ed opera affinché questi vengano riconosciuti anche dalla parte confliggente. È uno strumento attraverso il quale viene accolto il disordine, in uno spazio-tempo nel quale si possono esprimere le proprie differenze e riconoscere quelle dell’altro. Grazie alla mediazione umanistica è possibile comprendere che il conflitto, elemento fisiologico in ogni relazione, non necessariamente è distruttivo, ma può anche essere generatore di un rapporto inedito, differente.